3.13.2014

RAVEN BOYS - Maggie Stiefvater

Non avendo mai letto nulla della Stiefvater,e sentendo spesso parlare del suo stile particolare, la mia paura di aver buttato via i soldi per un libro brutto si faceva sempre più minacciosa.

Ma poi l' ho letto.

Ed è stato come entrare in un mondo parallelo dove tutto ciò che ho sempre desiderato in un Young Adult o in un paranormal, era lì, vivido è concreto.

La verità è che lo stile della Stiefvater è molto personale, ricco, emozionante, oscuro, incredibilmente poetico e articolato, ma al contempo moderno e fluido. Perfetto, a mio parere! Certo, stile a parte, se cercate una storia  dove l'enigma viene risolto subito, dove il tizio incontra la tizia ed è amore a prima vista, dove la storia è incentrata unicamente su un personaggio....bè, allora questo romanzo non farà per voi. 

Perché io ho amato questo libro? 

In primo luogo perché Raven boys è ambientato a Henrietta, in Virginia, e io impazzisco sempre per i piccoli paesini, folcloristici e coperti da una coltre di mistero. I protagonisti: Gansey, Adam, Ronan e Noah sono quattro studenti di una prestigiosa  scuola privata maschile, chiamati Raven boys per il corvo sullo stemma della loro divisa, e sono uniti da una  grande e fortissima amicizia. La Stiefvater è stata abilissima nel  descrivere ogni ragazzo, nel sapercelo fare conoscere approfonditamente, al punto tale che mi bastava una sola battuta per capire quale dei quattro ragazzi stesse parlando.
Gansey, ad esempio, è il mio preferito. Sebbene venga presentato come il tipico ragazzo facoltoso, dal sorriso smagliante, aspetto perfetto e carismatico, riusciamo a vederlo anche dietro la facciata da leader e capiamo che in realtà è un ragazzo pieno di timori, sensibile, capace di passare notti intere con il naso fra le pagine di qualche libro per scoprire nuove notizie su Glendower, mitico re celtico.
Ed ecco che arriva un altro punto che ho molto apprezzato: la leggenda. La leggenda è il fulcro della storia, il motivo che rende il libro tanto misterioso e che porterà poi i quattro ragazzi a conoscere Blue, una ragazzina di sedici anni, carina e molto particolare,
Questa ragazza rappresenta il mio aspetto preferito di Raven Boysla predizione. Blue Sargent, infatti, proviene da una famiglia di veggenti che sin da quando era piccola le hanno predetto che all'età di sedici anni avrebbe ucciso il suo vero amore con un bacio. Per noi lettori non ci vorrà molto per capire che questo suo vero amore sarà uno dei Raven boys, ma, sorprendentemente, non sapremo mai per certo chi di loro sarà.

Attenzione, però, non lasciate che la minaccia del bacio possa tenervi lontani da questo libro, il romanticismo non mancherà affatto, e sebbene non ci siano effusioni evidenti, vi posso garantire che la Stiefvater ha saputo gestire questa situazione difficile in maniera eccelsa e vi emozionerete come non mai.

Non so che altro aggiungere se non alzatevi, andate a comprare questo libro e immergetevi nel primo capitolo di una serie che, sono sicura, avrà un enorme successo.



Restate collegati:D

Marty