3.17.2016

99 GIORNI - K. A Tucker || Recensione

Sì, il mio ipad si è crepato in un angolo!
Mi chiamo Mani Di Mozzarella. Piacere a tutti.

TRAMA IN BREVE: Alex si risveglia in una stanza di ospedale dopo avere avuto un grave incidente e subito un'atroce violenza. Purtroppo, o per fortuna, non ha ricordi di quell'episodio, né della vita che aveva condotto fino ad allora. Dopo mesi di degenza esce dall'ospedale e va ad abitare assieme ad un'anziana signora con cui aveva condiviso la stanza, nella casa vicino alla famiglia della dottoressa che l' ha operata. Qui, mentre cercherà di rimettere insieme i pezzi della sua vita, conosce Jesse, il figlio della dottoressa, e Alex non può fare a meno di sentirsi, per qualche ragione, molto attratta da lui.

Cosa mi è piaciuto:

I punti di vista. Penso di avere ripetuto fino allo sfinimento che aborro i punti di vista multipli, ma siccome c'è sempre l'eccezione allo regola devo ammettere che 99 Giorni, dal punto di vista narrativo, non è stato niente male. L'autrice ha, infatti, saputo mantenere lo stesso livello di curiosità per tutta la storia,  narrando il presente dalla prospettiva di Alex, che cerca di dare un senso alla sua amnesia, mentre il capitolo successivo dal punto di vista di Jesse che ci racconterà come si sono conosciuti e come si è sviluppata la loro storia. 

Alex. A inizio libro conosciamo Alex come la moglie di un importante "imprenditore" russo (pensate allo stereotipo del viscidissimo riccone russo e ci siete) e per quanto all'apparenza sembri la solita bambolina provocante che si veste di soli centrini, capiamo subito che dentro di lei si nasconde un carattere di ben altro peso. Mi è piaciuta davvero tanto perché, nonostante nella vita abbia fatto scelte sbagliate, è comunque una ragazza molto coraggiosa, sensibile e forte.

Jesse. Jesse è di sicuro il mio personaggio preferito. L' ho trovato davvero ben realizzato, reale e umano sia nei gesti che nel modo di parlare. Ho apprezzato tantissimo il fatto che non appena incontra Alex la sua opinione verso di lei non è delle migliori, ma poi è in grado di cambiarla non appena la conosce veramente. Capisce soprattutto che quella ragazza vive sotto il comando del marito, che soffre incredibilmente e che nonostante la giovane età non c'è nulla di spensierato in lei. Lui riuscirà a farla sentire amata, libera e felice. 

Un ottimo thriller. Questo libro non è esattamente un classico thriller dove viene svelata carta dopo carta, piuttosto ci vengono messe su un tavolo più carte e noi non dovremo fare altro che capire il loro legame. Infatti sin da subito scopriremo che Alex ha avuto un incidente, che è stata violentata, che è la moglie di un importante russo e che Jesse andrà a lavorare come meccanico in casa loro. Per quanto noi faremo le nostre supposizioni, dovremo aspettare solo verso la fine per intuire il nesso fra quella Alex e quella che nel presente non si ricorda di nulla.

Drammatico al punto giusto. Il libro è piuttosto drammatico e parla di argomenti abbastanza crudi, al tempo stesso, però, l' autrice è stata capace di mantenere la storia fresca e spensierata. Ci sono alcuni momenti che mi hanno particolarmente commossa, come quando Alex, uscita dall'ospedale, andrà ad abitare assieme alla burbera vecchiata con cui aveva condiviso la stanza. Anche questa donna, da piccola, ha subito violenze e sarà molto dolce e commovente vedere la nascita di questa loro amicizia.


Cosa non mi è piaciuto:

Il finale. Anche 99 giorni è affetto da quella malattia che colpisce molti thriller: la fretta finale. Questo libro scorre benissimo, i colpi di scena, i momenti di azione e romanticismo sono ben dosati, ma arrivati al momento in cui vogliamo dare delle risposte ai nostri punti interrogativi, il tutto viene risolto in poche manciate di pagine. E diverse cosine, se io fossi stata nei panni di Alex, avrei decisamente voluto approfondirle.

*************************************************************
IN CONCLUSIONE: 
Sono felici di annunciarvi che era probabilmente dalla Prima Guerra Punica che un New Adult mi prendeva così tanto. Il libro è piuttosto lunghetto ma si legge cosi bene ed è così intrigante, che penso di averlo letto in poco più di due giorni! Quindi, che altro dire, se cercate una storia d' amore avvincente dove il mistero, la suspense, l' azione fanno da padrone (o comunque un New Adult diverso dal solito) dovete proprio leggerlo. Non ve ne pentirete! VALUTAZIONE: ★★★★/5
*************************************************************

E voi, lo avete letto? Se sì, vi è piaciuto? Fatemi sapere.

  Tante buone letture! Restate collegati. 
Vostra, Marty.