5.18.2016

FOREVER - Amy Engel || Recensione

I'm very happy today.


TRAMA:  Dopo una guerra nucleare senza precedenti, la popolazione degli Stati Uniti è decimata. Un piccolo gruppo di sopravvissuti entra in conflitto per decidere quale famiglia andrà al governo del nuovo mondo. Il clan dei Westfall perde lo scontro con quello dei Lattimer. Passano cinquant’anni e la comunità è ancora in pace, ma il prezzo è alto: ogni anno un rito assicura l’equilibrio forzato tra le famiglie e così una delle figlie dei perdenti deve andare in sposa a uno dei figli di quella vincente. Quest’anno, è il mio turno. Il mio nome è Ivy Westfall, e la mia missione è semplice: uccidere il figlio del capo dei Lattimer, Bishop, il mio promesso sposo, e restituire il potere alla mia famiglia. Ma Bishop sembra molto scaltro oppure non è il ragazzo spietato e senza cuore che mi avevano detto. Sembra anche essere l’unica persona in questo mondo che veramente mi capisce, ma non posso sottrarmi al destino, io sono l’unica che può riportare i Westfall al potere. E perché questo accada, Bishop deve morire per mano mia... Il mio nome è Ivy Westfall, e la mia missione è semplice: uccidere il mio promesso sposo

Cosa mi è piaciuto:

Ivy: la protagonista. Ivy non è eccezionale, non ha tratti particolari che la contraddistinguono e non è molto diversa da tante altre eroine young adult che ho già conosciuto, nonostante ciò l'ho apprezzata davvero molto. Il libro è narrato interamente dal suo punto di vista e in prima persona. Sposa Bishop, il figlio del presidente, per costrizione di questa bizzarra legge pacifista che vede le figlie della fazione perdente sposare i figli della fazione vincente, ma il suo scopo è ben diverso da quello di essere una mogliettina modello, infatti dovrà ucciderlo. È stato estremamente interessante notare come nella prima parte del libro esista un Ivy succube della sua famiglia, corrotta sia nel modo di agire, che in quello di pensare, mentre dopo il matrimonio, anche grazie a Bishop, troverà la vera Ivy: ovvero una ragazza dotata di una grandissima forza interiore e di tanto coraggio.

Bishop: il marito di Ivy. Qui ci vorrebbe un'ovazione di sottofondo perché amici era da un pezzo che non mi prendevo una sana cottarella per un personaggio maschile di uno YA. Bishop, nonostante mantenga i tratti tipici del figone per eccellenza, rimane ( prima dello sguardo magnetico e del fisico da Poseidone) un ragazzo normale... ripeto per chi non l'avesse letto: un ragazzo NORMALE! Non ha atteggiamenti da finto duro, non è lo stronzo di turno o il solito Mastrolindo tutto muscoli e poco arrosto, ma è un ragazzo estremamente profondo, molto galante e di grande supporto per Ivy nel corso della storia. È il figlio del presidente, ma sembrerà sempre di avere a che fare con il ragazzo della porta accanto.

Il rapporto fra Ivy e Bishop. Ovviamente l' idea di uccidere Bishop non sarà più così fattibile per Ivy non appena conoscerà la bella persona che si nasconde in lui. Il loro rapporto è dolcissimo e molto realistico. I primi giorni di matrimonio non sono rose e fiori, a malapena si scambiano poche parole fredde e imbarazzate, ma pian piano, grazie alla convivenza forzata, i due impareranno a guardarsi sotto diversi punti di vista, a capirsi, a condividere e a ritrovare quella innocenza di cuore che la vita dura e spietata gli aveva privato per farli sopravvivere.

La trama. Forever, manco a dirlo, possiede le caratteristiche tipiche dei distopici in voga del periodo: due fazioni in guerra ben distinte, una pace precaria, una forte voglia di ribellione e giovani protagonisti che devono pagare per gli sbagli degli altri. Quindi sì, niente di incredibilmente innovativo. Ma la Engel, a mio parere, è stata davvero in gamba con la scrittura e nonostante i tanti cliché presenti ha saputo creare un mondo tutto suo e lanciare a noi lettori piccoli spunti di riflessione su argomenti come la libertà di pensiero, il giusto significato fra buono e cattivo e i matrimoni combinati.

Un crescendo. Ho amato il fatto che la storia sia suddivisa in livelli d' intensità. Abbiamo una parte iniziale piuttosto stabile dove ci viene introdotta la storia, una centrale di medio livello incentrata sulle continue pressioni della famiglia di Ivy affinché lei uccidesse Bishop e sullo sbocciare dei suoi sentimenti per quest'ultimo, fino ad arrivare ad un altissimo livello d' azione finale. E quando dico altissimo livello d' azione intendo un climax che mi lasciato piuttosto sconvolta.

Cosa non mi è piaciuto:

Il mondo "pre-distopico". Viene spiegato a grandi linee, ma come molti distopici appare tutto troppo velato e poco chiaro. Come se il passato non fosse importane per il corso della storia, come se dovesse essere ovvio, quando, invece, per noi lettori non lo è affatto.

La famiglia di Ivy. A reggere il potere di questo particolare "governo" c'è il padre di Bishop, che in teoria lui dovrebbe essere il cattivo della storia nonché, assieme a Bishop,  l' obbiettivo della missione killer di Ivy (e della sua famiglia) per portare suo padre al potere e dare vita ad un lunga e pacifica democrazia. Il problema n'do sta, direte voi? Il problema è che, per qualche assurdo motivo, è la famiglia di Ivy ad apparire cattiva. Il padre, infatti, è un infame unico mentre la sorella è inspiegabilmente una grandissima stronza. Nel corso della storia, in particolare nel finale, raramente si comportano bene con lei e spero davvero ci sia una ragione dietro ai loro comportamenti che verrà approfondita nel secondo libro.

*************************************************************
IN CONCLUSIONE: Ho iniziato questo libro con la sensazione di stare leggendo qualcosa di banale e già risentito, l' ho finito che sembravo un vampiro assettato di sangue in astinenza da mesi. A libro concluso posso dirvi che Forever è il giusto romanzo per chi ama una storia d' amore intrigante ma anche una storia dalle tematiche più importanti e dai grandi ideali. Con mio grande stupore il libro è finito proprio sul momento in cui la vera storia e l' azione stavano per iniziare e spero vivamente che la Newton si spicci a pubblicare il secondo, perché sono troppo, troppo curiosa di sapere come andrà avanti! 
 VALUTAZIONE: ★★★★ e mezzo /5
*************************************************************


Questo è tutto! Pensate di leggerlo? Fatemi sapere...
  Tante buone letture! Restate collegati. 
Vostra, Marty.